IVANO DI FERDINANDO VITALI
 House of ecological creativity
-
Lucca - Monte San Quirico. Photo by Ivano Vitali
Ultimo piano, sette finestre e una porta                                                         Lucca - Monte San Quirico        Foto di Ivano Vitali  
Ingresso
Fatto a mano da Ivano Vitali
In primo piano l'abito Per Ilaria, realizzato a mano e con il riciclo della Domenica del Corriere
-
-Sala degli esagoni
Casa di Ivano Vitali a Lucca Monte San Quirico
Installazione con abiti di carta riciclata su manichini di cartone riciclato
 Sala dei Giganti
salone dei giganti
Guanti giganti
Sedie impagliate con la carta di recupero
Calzini giganti
Photo by Ivano Vitali
photo by ivano
SacksPaper balls  e  List of tape-stries
Zimmer / Camera
Samples and objects by Ivano Vitali
Arte tessile / Fiber art --Campioni / Samples  - Oggetti / Objects - Riciclo / Recycling


libro d'arte

Libri d'artista
Installazioni di legni 1977
Installazioni di Palle, Piaccelle, Uova , Cubi ... 
(1995 - 2004)



Sala della scala

Alle pareti: foto di Beata Lenkiewicz con gli abiti
Senza titolo rosso
Senza titolo blu,
foto di Andrea Martha Maria Zimmer

Abito Maria nel Museo di Cerreto Guidi - Foto Ivano Vitali

Elenco abiti di carta riciclata dal 2002 ad oggi
.
Isra, la prima modella ad indossare gli abiti 2003 - Ivano

"Tamburino giallo" Costume e foto di Ivano Vitali
Abiti  2002 / 2004  Costumi 1997 / 2001
Bibliografia Curriculum
SOCIAL ART        
Arte per la natura

Ivano di Ferdinando Vitali nato a Campotto di Argenta (Ferrara) abita a Lucca - Monte San Quirico.

Scultore e performer ecologista. Artista della Fiber - art, crea con il recupero della carta e in particolare della carta stampata. Con le sole mani attorciglia strisce o pagine in filo, con combinazioni di spessori e colori diversi. Filo che, raccolto in gomitoli, utilizza poi con tecniche prese dalla tradizione come i ferri da maglia, l’uncinetto, il telaio, l’intreccio … nella creazione di sculture, arazzi, abiti, oggetti … Sono opere uniche, irripetibili, povere e preziose nello stesso tempo. Un’arte ad impatto zero (dal 2002) in quanto il filo proviene dal recupero e non richiede per la sua realizzazione il consumo di altre risorse (acqua, colle, coloranti, fissativi ecc), con la ulteriore possibilità di disfare, rifare oppure ritornare nella catena del riciclo.


The website was made by Ivano Vitali 1998/2019
email by ivano